Tra gli stand, in sicurezza. Apre a Miggiano Expo 2000

Tutelare la salute dei cittadini e l’economia, in tempo di Covid, è un’impresa complessa. La pandemia ha spezzato vite umane e, al contempo, ha colpito duramente molti settori economici. A Miggiano, con sforzo, fiducia e responsabilità si prova a garantirli entrambi,  così, giovedì 15, apre la Fiera regionale Expo 2000 Industria, Artigianato, Agricoltura e Turismo del Salento, organizzata dall’amministrazione comunale.

“Non potevamo non rispondere alle insistenti sollecitazione degli espositori che, a gran voce, ci hanno chiesto di poter sfruttare anche quest’anno le opportunità di affari che solo Expo 2000 procura”, spiega il sindaco di Miggiano Michele Sperti,non potevamo sottrarre agli operatori economici questa boccata di ossigeno, che per molti potrebbe risultare vitale”. Ma è fondamentale, più che mai, il rispetto delle norme anti Covid:“è chiaro”, continua il primo cittadino miggianese, “che la priorità assoluta è la salute personale e di chi ci sta intorno, è per questo che rivolgo un accorato appello, per la tutela di tutti e per salvaguardare l’incolumità dell’evento, al rispetto scrupoloso e responsabile delle norme basilari”.

La fiera è infatti allestita negli ampi spazi del quartiere fieristico di Miggiano, per la maggior parte all’aperto, un’area già testata, con successo, sin dall’inizio dell’estate con il mercato settimanale cittadino, sulla quale l’amministrazione ha puntato per rilanciare il commercio miggianese. Distanziamento, garantito anche dal numero ridotto degli espositori, ingressi contingentati e rispetto delle norme in materia di prevenzione sono assicurati, insieme alla certezza di trovare il meglio della produzione locale. Sino a domenica 18 si può curiosare tra le eccellenze della regione, e non solo, dal tessile all’agroalimentare, dall’antiquariato ai manufatti artigianali.

Sacrificati, purtroppo, a causa dell’emergenza sanitaria, la tradizionale fiera della terza domenica di ottobre, gli abituali eventi di intrattenimento e, soprattutto, la storica Sagra del maiale. Una formula rivista certamente, ma pensata per coniugare “quanto previsto dalla direttive regionali con la decisa volontà di favorire la crescita economica”, afferma Stefano Minerva, presidente della Provincia di Lecce, che riconosce all’amministrazione comunale di Miggiano di aver dato “dimostrazione di grande responsabilità e anche di coraggio, assumendosi un impegno gravoso in un contesto particolarmente difficile, avvertendo forte l’obbligo di garantire opportunità di lavoro agli imprenditori che interverranno e che sono stati già colpiti dalla pandemia”.

Il taglio del nastro è previsto alle 19 nel quartiere fieristico di Miggiano, alla presenza del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e di altri rappresentanti istituzionali e sindaci dei paesi limitrofi. La cerimonia prosegue con la consegna del “Premio Miggiano”. Orari: 9-13; 16-20. Ingresso libero.