Il piccolo mondo e il “Senso Spietato” di Marcello Zappatore

Uno torna a casa e pensa, magari, di rilassarsi. Invece si trova di fronte una serie infinita di piccole e inquietanti presenze, di musicisti, acrobati e ballerini che sbucano da ogni angolo delle mura domestiche.

Oltretutto, nel videoclip di “Senso spietato”, singolo tratto da Susco (Workin’ label), l’ultimo album di Marcello Zappatore, online da oggi, giovedì 16 aprile, appaiono anche uomini e donne in camice e mascherina che si aggirano senza apparente meta, tra la marea degli altri minuscoli individui. Particolare davvero singolare, se si pensa che le riprese sono state effettuate mesi addietro, in tempi “non sospetti”.

Tutto il resto, poi, è affidato all’estro del chitarrista salentino, che gioca tra musica classica, rock, prog e fusion (come in tutto il disco), a Flora Tarantino, coautrice del video, Ivano Decataldo, che ha curato le riprese, Giuseppe Stamerra per la fotografia e Fd-Light-Project per gli effetti video e il montaggio.

Un lavoro di squadra attento e complesso, al quale, oltre ai musicisti che hanno suonato (Marcello Zappatore alla chitarra, Ovidio Venturoso alla batteria, Gianpaolo Saracino al violino, Claudia Fiore al violoncello, Fabio Zurlo alla fisarmonica e Andrea Esperti al basso), ha preso parte anche un folto gruppo di comparse: Laerte Martella (man at work), Chiara Coppola (orsetto e vecchietta), Gaia Rollo (sonnambula), Maria Serena Iannò (sirena), Octavio De La Roza (ballerino), Camilla Colella (ballerina), Oren Schreiber (acrobata) e Loïse Pitanga Haenni (acrobata).