A scuola di agricoltura sociale

Riscoprire l’agricoltura, togliere i campi dalle mani delle mafie e tamponare il problema dell’occupazione giovanile. Ha nobili intenti, la scuola di formazione “Radicale – Dalle Agromafie all’Agricoltura Sociale”, che partirà il prossimo gennaio, rivolta a 25 giovani dai 16 ai 35 anni.

Un progetto ambizioso che nasce dalla consapevolezza che solo impiegando le risorse endogene e giovani del territorio e valorizzando la vocazione agricola della regione si possa puntare ad abbassare la percentuale del 60% di disoccupazione giovanile nelle regioni del Sud, segnate anche da un massiccio ingresso della merce di produzione estera sul mercato agricola.

Non solo pratica agricola, però. La scuola mira anche a trasferire ai giovani selezionati competenze prettamente imprenditoriali, per una gestione fruttuosa dei beni confiscati e un cammino autonomo e riuscito nel campo dell’agricoltura, anche attraverso una fase di accompagnamento finale, comprensiva di elaborazione del piano di impresa e tutoraggio.

La scuola ha una durata annuale, sino a dicembre 2020, e le ore di formazione previste sono in tutto 1560, divise tra didattica frontale, laboratori di co-progettazione, attività di campo e visite guidate, tra Lecce, Mesagne e San Vito dei Normanni. Al termine del corso, si ottiene il rilascio del relativo attestato di qualifica professionale.

La scuola è un’idea dell’associazione temporanea di Scopo ATS denominata “IO RESTO QUI – Alto Salento” costituita da “Terre di Puglia Libera Terra Società Cooperativa Sociale”, in qualità di ente capofila, Cooperativa Sociale Onlus “Qualcosa di diverso”, Associazione AIM 2001, Comune di San Vito dei Normanni, Comune di Mesagne, Istituto Tecnico Economico “Giovanni Calò” e IISS Ferdinando Epifanio.

Per tutti i partecipanti, è prevista una borsa di studio di 1000 euro a partecipante. Avranno diritto al rimborso spese unicamente coloro che avranno assicurato la propria presenza ad almeno il 75% delle attività previste.

Scadenza iscrizioni: 16 dicembre. Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione e sul progetto “Io Resto Qui” scrivere a: info@scuolaradicale.it oppure visitare il sito www.scuolaradicale.it