Ninnanò: lo spettacolo del dolore

Fausto Romano, giovane scrittore galatinese, classe 1988, mette a punto, con il suo terzo romanzo, un giallo d’autore, dal meccanismo impeccabile.

Nel mite paesino di Terrazza, un nugolo di tetti che è come “un foruncolo sulla pancia della Puglia”, Marika Sestri, 5 anni, scompare da casa. Tra le stradine candide di un’insolita e persistente neve, si sparpaglia allora il circo mediatico del dolore, che ricorda tristemente certe vicende di cronaca nera locali, facendo di un anonimo villaggio del Sud la squallida scenografia di un ennesimo delitto di paese.

Fausto Romano, giovane scrittore galatinese, classe 1988, mette a punto, con il suo terzo romanzo, un giallo d’autore, dal meccanismo impeccabile, impossibile da decifrare se non allo scoccare dell’ultima pagina. Un libro che si legge tutto d’un fiato, e non solo per la trama. Romano ha il dono della similitudine perfetta, della parola che si fa immagine, che diventa concreta, visibile. Ha il talento creativo di quegli autori che richiedono qualche secondo, il libro poggiato sulle ginocchia, per mettere a fuoco, rendersi conto che almeno una volta nella vita ci si è sentiti come “una busta della spesa fin troppo piena” che cede, “lasciando cadere ogni ricordo, pensiero, parola”, come Lucio Sestri, il papà di Marika, intrappolato in una vita mediocre, in un lavoro mediocre, al buio di una copisteria.

Invece Lucio voleva cantare, voleva diventare forse non proprio come Ronny Chanco, il suo idolo di sempre, ma qualcosa di molto vicino. Ed è allora che allo smarrimento, al dolore per la piccola Marika si mescola la voglia di offrirsi una seconda opportunità, di dimenticare per sempre il rumore della fotocopiatrice e, in un tempo in cui se non condividi non esisti, mettere in mostra la sofferenza e assistere, con un compiacimento difficile da contenere, al consenso e alla compassione virtuale di utenti e telespettatori. Una storia di tempi moderni, di uomini mediocri, dove la celebrità a buon mercato, a portata di clic, confonde e sgretola ogni certezza.

 

FAUSTO ROMANO

NINNANÒ

  1. 181, EURO 14

ALTER EGO 2019