Roberto Esposito: la mia Europa

Da Praga e Lisbona, da Tallin a Dusseldorf, l’annata artistica del virtuoso pianista pugliese Roberto Esposito si conclude in giro per l’Europa, per una full immersion senza soluzione di continuità, tra club e festival, in un vortice di sonorità jazz, classiche e rock.

Una serie di concerti, uno diverso dall’altro, per far conoscere le sue produzioni musicali, “Decades”, “Piano concerto fantastico” e l’ultima, “I mari della Luna”, ma anche quelle inedite, sia in piano solo, sia in compagnia di diversi compagni di viaggio come Goncalo Felipe De Sousa, armonicista portoghese, con cui proprio da Lisbona, prenderà vita il nuovo progetto “Intersection”, il trombettista Marco Puzzello, il cantante soul/gospel di Chicago Kirk Smith e ancora la cantante di Praga Alena Boada.

Il calendario è fittissimo. Si parte il 27 novembre da Praga, ci si sposta il 29 a Tallin e si prosegue il 2 dicembre a Dusseldorf, il 3 a Sinn e poi il 4, con una nuova data a Praga. Dopo tre giorni di fila a Lisbona (il 5, 6 e 7 dicembre), a ridosso delle feste di fine anno si va in Germania, il 20 a Meinersen e il 22 a Butbach, prima dell’antivigilia con il live in Svizzera, a Weissbad. Il tutto, in attesa del grande rientro in patria, dove proprio il giorno di Natale è in programma il suo piano solo a Specchia, a Palazzo Coluccia.