A Koreja, sipario su “L’Assemblea”, le donne e il Sessantotto

Doppio appuntamento, a Lecce, per una narrazione teatrale e collettiva, tra momenti cantati, racconti e testi, sull’eredità dei movimenti del '68 dal punto di vista delle donne

Centottanta donne, cinque mesi, un anno: il 1968. Si conclude il lavoro collettivo, strutturato in diversi incontri, da gennaio ad aprile, “L’assemblea. Il teatro e le donne”, ideato e diretto da Rita Maffei, attrice e regista, vicepresidente e co-direttrice artistica del CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia.
Appuntamento con due serate aperte al pubblico, venerdì 13 e sabato 14 maggio, ai Cantieri Koreja di Lecce, con ingresso libero e prenotazione obbligatoria, e il 15 giugno con una replica presso la sede del a Bari, che ha sostenuto da principio il progetto.

Si riflette sul 1968 e sull’eredità del suo movimento dal punto di vista delle donne, con il suo strumento di confronto più emblematico: l’assemblea. Sono partecipanti che vanno dagli 11 agli oltre 80 anni, che provengono da tutta Italia, alcune con alle spalle esperienze artistiche e teatrali, ma per la stragrande maggioranza alla prima esperienza su un palco. Tra momenti cantati, racconti e testi tratti dagli scritti di Franca Rame, Virginia Woolf, Oriana Fallaci, Henrik Ibsen, Jacques Copi e Garcìa Lorca, teatralizzati anche con la collaborazione delle attrici di Koreja, si discute, non si rievoca e, partendo da ieri, si parla di oggi e di domani, in compagnia delle tante donne coinvolte nel progetto, donne la cui vita è stata molto influenzata dal ’68, anche se non tutte l’hanno vissuto direttamente.

Esperienze personali, pensieri ed emozioni sono utili, in scena, a mettere a fuoco il rapporto tra i cambiamenti, e capire “cosa è rimasto, cosa è cambiato, a cosa è servito, cosa serve ancora fare, per cosa dobbiamo cominciare da capo”, secondo il pensiero della regista, che fa tesoro di un’esperienza che le “ha offerto grandi regali tra cui il potente coinvolgimento e la grande generosità che ho trovato nelle partecipanti… in pochi mesi hanno creato una condivisione che fa credere nella sorellanza”.

Una risposta eccezionale, sottolinea Loredana Capone, Presidente del Consiglio Regionale della Puglia, entusiasta delle “tantissime le donne di ogni età che hanno deciso di aderire a questo laboratorio che fa della lotta per la parità, della necessità dell’inclusione, del bisogno di nuovi linguaggi e metodi per l’emancipazione del ruolo delle donne, le direttrici del proprio agire”.

Sipario ore 20.45. Info e prenotazioni: 0832/242000.

Articolo precedenteCon Celestini, in scena le mille anime di Pasolini
Articolo successivoNel fantastico micromondo dei trenini elettrici