Se per caso, a Lecce, la metropolitana

Per arrivare a Porta San Biagio, si potrebbe prendere la linea Blu. Per piazza Sant’Oronzo, quella Verde. Per lo stadio, ovviamente quella GialloRossa. È solo un’operazione di fantasia, l’idea della costruzione di una metropolitana a Lecce, ma bisogna partire da un presupposto: all’immaginazione non ci sono confini. E proseguire, poi, con un’altra considerazione: parlare di un progetto, per quanto possa apparire incredibile, allo stato attuale delle cose, rappresenta comunque il primo tassello di un mosaico tutto da comporre.

Nasce così il sito metropolitanalecce.com, dove tutti sono invitati a fare un giro sulla giostra della fantasia, con un sondaggio reale. Quattro domande a risposta multipla, per scatenare il chiacchiericcio: Quale tra queste fermate sarebbe più utile per Lecce? Come preferiresti pagare il tuo biglietto? Quale genere musicale ti piacerebbe ascoltare in metro? Per quale motivo utilizzeresti più spesso la metro?

Non è certo una metropoli, Lecce, ma nel sito si prova a far finta che lo sia, immaginando un centro più vicino alla periferia, e poi punti di interesse, i capolinea, i terminal, la musica in stazione, le pubblicità sui muri e scalinate, un gran viavai al mattino e assorte letture tra i sedili dei vagoni, al rientro a casa la sera. Cambierebbero le abitudini? Cambierebbe il modo di vivere la città, anche per i turisti?
Al momento, si sonda, e basta.
Poi, si vedrà.