Presenza e assenza, nei “Lacci” di Francesco Del Prete

Lacci” come corde e corde come lacci. Si lega e si slega, Francesco Del Prete, mentre fa risuonare il suo amato violino, nel singolo che anticipa l’uscita del suo nuovo disco, “Cor Cordis” (per Dodicilune). Un assaggio di un album che parla di rapporti indissolubili, secondo la metrica cara al compositore e violinista salentino: alternanza di elementi elettrici e acustici per andare al di là di ciò che l’occhio vede.

Nel videoclip, diretto da Stefano Tamborino, si gioca tra la presenza e l’assenza proprio del violino, con Francesco che lo suona non suonandolo, e viceversa, quasi a rimarcare quanto siano fondamentali i legami e i collegamenti, indipendentemente dalla presenza o meno dell’altra parte.

Sentori classici si accompagnano a echi contemporanei, in attesa di ascoltare i nove brani del disco, del quale “Lacci” non farà però parte.
Un disco che lo vedrà affiancato dalla voce di Arale – Lara Ingrosso, con cui condivide e cura anche la produzione musicale e artistica del disco, dal violoncello di Anna Carla Del Prete, dalla batteria di Diego Martino, dal sax soprano di Emanuele Coluccia, dal synth di Filippo Bubbico e dal trombone di Gaetano Carrozzo.