“Non ci credo”: un mondo “fake” nel nuovo singolo di Scuro

“Che siete innamorati, che siete stati fregati, che non avete tempo, io non ci credo”. Lo dice, lo canta, il cantautore salentino Scuro, che urla a voce alta “Non ci credo”, titolo del suo nuovo singolo, suonato insieme a Giordano Bello (batteria), prodotto con Adriano “Sure” Sicuro ed Errico “Ruspa” Carcagni, registrato tra Overloud Studio e L’Isola Studio con mix e mastering di Donato Romano e distribuito su tutte le piattaforme digitali per Artist First.

Una canzone dissacrante e critica nel testo, che ruota intorno al tema principale delle “fake”, delle falsità in senso più generale del termine, presenti sia nel mondo dell’informazione sia nelle emozioni quotidiane, velato da un’amara ironia.
Un melodia che parte in modo decisamente urban, pop e trip hop, con un crescendo più rock, incisivo e ficcante nella parte finale, che conferma la bontà del progetto artistico iniziato con il suo primo lavoro discografico, l’ep “Scuro” pubblicato nel 2019.
Nuovo tassello di un artista che lascia in disparte la sua parte più introspettiva in favore di un rinnovato vigore sonoro costellato da piccole frecciate (“Della musica di oggi resteranno tante belle foto in uno spazio vuoto”), come stelle che si affacciano in un cielo che cambia faccia e colore, al tramonto, mutando da chiaro a… Scuro.