Le Vie dell’Artigianato 2.0

Torna l'iniziativa a cura di Confartigianato Lecce che, per la sua seconda edizione, punta su promozione, storytelling e accessibilità.

artigianato
Bottega di cartapesta

Accessibilità, promozione e formazione, sono le parole chiave della nuova stagione de “Le vie dell’artigianato“, iniziativa a cura di Confartigianato Lecce che, dopo il successo della prima edizione la scorsa estate, ritorna coinvolgendo le eccellenze artigianali e le tipicità artistiche e agroalimentari del territorio.

Il primo obiettivo della nuova edizione è quello dell’accessibilità: Confartigianato, in collaborazione con il Comune di Lecce, ha avviato percorsi speciali di formazione per le aziende aderenti al fine di rendere più fruibili a tutti le botteghe. Insieme al Centro Tiflotecnico di Lecce, invece, e con la collaborazione delle guide specializzate operanti sul territorio, sono stati messi a punto itinerari destinati a ciechi e non vedenti.

Accessibilità fa rima anche con digitalizzazione. Infatti, sempre nell’intenzione di farsi conoscere e rendere fruibile a tutti l’immenso patrimonio immateriale dell’artigianato, i contenuti saranno anche disponibili on-line tramite una nuova piattaforma web di facile consultazione in modo da offrire una migliore navigabilità e una “user experience” più in linea con i contenuti e le esperienze proposte dagli artigiani.

Oltre al web, gli strumenti usati sono quelli dello storytelling e del racconto in prima persona, attraverso la collaborazione con tour operator locali e travel blogger. A immergersi tra sapori, arti e mestieri è stata la blogger Barbara Perrone, di base a Santa Cesarea Terme: da fine ottobre, insieme al marito fotografo, ha raccontato i prodotti enogastronomici e le esperienze, tra cui quelle proposte da “Le Vie Dell’Artigianato”, condividendo sui suoi canali social spunti e idee per vivere il territorio oltre l’alta stagione.