La scienza per tutti. Al via “La notte dei ricercatori”

Dall’universo ai beni culturali, dalla biosfera alle scienze della vita; ma anche le storie e le scoperte, le speranze e le difficoltà dei ricercatori e le ricercatrici, sono i protagonisti de “La Notte europea dei ricercatori, in programma venerdì 27. L’iniziativa, promossa dalla Commissione Europea, è dedicata alla ricerca universitaria e si svolge in tutta Europa: per questa edizione, oltre 100 città italiane ospitano gli eventi di divulgazione scientifica organizzati da università, enti di ricerca, società di comunicazione della scienza e altri.

In Puglia si svolge nell’ambito di ERN Apulia 2, il progetto coordinato dall’Università del Salento con la direzione scientifica di Giuseppe Maruccio, uno dei sette progetti finanziati in Italia e coinvolge le Università statali e i principali enti pubblici di ricerca pugliesi: l’Università del Salento, l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, il Politecnico di Bari, l’Università di Foggia, CNR, INFN, ENEA, IIT, INSTM e CMCC, oltre all’IRCCS-DeBellis di Castellana Grotte e il Museo MArTA di Taranto.

Una giornata di dibattiti, presentazioni e spettacoli divulgativi con la possibilità di interagire con i numerosi ricercatori e ricercatrici presenti in diretta streaming a partire dalle ore 9. Tra i numerosi eventi, una sezione è dedicata alle donne nella scienza e, alle ore 21, a chiudere la lunga cavalcata, lo spettacolo teatrale “Copenhagen” di Michael Frayn a cura della compagnia Ura Teatro, una produzione di UniSalento, in diretta dall’Apollo di Lecce con la regia di Fabrizio Saccomanno. Una rappresentazione che narra l’incontro, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, tra Niels Bohr e Werner Heisenberg, due dei massimi fisici del secolo scorso e tra i fondatori della meccanica quantistica.

L’edizione leccese quest’anno non prevede il consueto “ritrovo” dei ricercatori, nel chiostro degli Olivetani, ma è comunque fitto il calendario degli appuntamenti online della giornata. Si apre alle 9 con una serie di video su “dimostratori e giochi scientifici”e si prosegue con un viaggio nel sistema solare. Per tutta la giornata saranno trasmessi contributi video, pillole di approfondimento che spaziano dalla scienza alle discipline umanistiche. Sono due i focus dedicati alle donne scienziate, alle 11.45 con “À la recherche della femme. Storie di donne eccezionali”, a cura di Alessandra Beccarisi ed Elisa Rubino (UniSalento) e alle 19.20 con “Donne, ruoli e comportamenti in economia”, a cura di Manuela Mosca, Emanuele Grassi, Valeria Stefanelli, Sandra De Iaco e Marco Savioli dell’Università del Salento. Tra le sessioni ce ne è una dedicata agli studiosi dell’ Unisalento che hanno ottenuto borse di studio da prestigiose fondazioni internazionali. Non manca lo sguardo sull’emergenza Covid con il neo assessore regionale Pierluigi Lopalco, né quello sull’ambiente, una visita virtuale dei laboratori CNR-Nanotec dedicati allo sviluppo di nanotecnologia per l’energia e l’ambiente.

La diretta si potrà seguire interamente sui canali Facebook e YouTube di “ERN Apulia – La Notte dei ricercatori”; dalle 20.30 alle 23 anche sul canale 16 del digitale terrestre in Puglia e Basilicata o sul 519 SKY in tutta Italia, grazie alla collaborazione con TRMH24. I programmi dettagliati sono su www.ern-apulia.it.

In occasione della Notte dei ricercatori, Eva degl’Innocenti direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto presenta, alle 11.30, il tour virtuale 3D del MArTA, che apre per la prima volta alla fruizione web della totalità delle collezioni custodite. Un’ esperienza immersiva, interattiva e personalizzabile, che condurrà passo passo negli oltre 6.000 metri quadrati del Museo in un viaggio nel tempo di oltre ventimila anni. Tutti gli eventi della giornata del MArTA sono visibili sulla pagina Facebook e canale YouTube del Museo Archeologico Nazionale di Taranto