La mediazione familiare: genitori e figli adesso hanno uno sportello

Famiglie disgregate, in conflitto. Genitori e figli che vivono situazioni limite, che necessitano di una riorganizzazione. Di una mano sicura, di un occhio e un orecchio attento ed esperto che possa guidare il nuovo percorso. Uno scenario triste, senza dubbio, ma non così poco frequente al giorno d’oggi. Anzi.
Per supportare grandi e piccoli, di fronte a questi stati di necessità, nasce lo lo Sportello Informativo di Mediazione Familiare.
Si tratta di un nuovo servizio realizzato dal Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità, in collaborazione con il CESMeF APS di Lecce (Centro Servizi di Consulenza e Mediazione Familiare), che trova accoglienza negli spazi del Centro Diurno Polifunzionale Revolution Di Lecce, in via Monteroni 157.

Ieri, martedì 13 ottobre, si è tenuto l’evento di presentazione ufficiale, alla presenta di Giuseppe Centomani, dirigente del Centro Giustizia Minorile di Bari, Pietro Sansò, direttore del Centro Diurno Polifunzionale, Monia Guglielmo, presidente del CeSMeF e Federica Anzini, presidente AIMeF (Associazione Italiana Mediatori Familiari).

Un progetto, uno sportello che mette l’accento sulla mediazione come strumento di prevenzione, e si propone di essere vicino a tutti coloro che hanno bisogno di esperti qualificati nel campo.
Le modalità di accesso sono volontarie e gratuite, basta prendere appuntamento telefonando ai numeri 0832/354540 e 349/6150201, inviando una mail a cpa.lecce.dgm@giustizia.it o cesmef.lecce@gmail.com o recandosi personalmente presso il Centro Diurno Polifunzionale rEvolution.