La Luna, nel cielo sopra Corsano

“La Luna gira lu munnu e voi durmite” recita un celebre canto popolare del Gargano. E gira ovunque, la luna, immortalata nella sua parabolica ascesa lì, ne “Il cielo sopra Corsano”, come da citazione filmica lo ha definito Biagino Bleve, autore di “quarantine moon(d)”, breve video dedicato alla sua Luna, quella che sorge sui tetti, attraversa il campanile e solca, leggera, luminosa e poetica, il cielo del paesino del Capo di Leuca.

“Il mio paese, visto dal terrazzo di casa mia, nel silenzio assordante, ai tempi del Covid 19, con la sua gente chiusa in quarantena. Una luna che sorge, vola nel buio in una danza parabolica, con la vanità e la presunzione di chi conosce bene la sua indiscutibile bellezza, che infonde forza e speranza”, scrive nel post che accompagna il video Biagino Bleve, operatore culturale, musicista e protagonista, con varie mansioni, di tante produzioni cinematografiche salentine, “portatore di leggerezza e di sfottò neoromantici” come lo definì Mauro Marino un po’ di anni fa. Un video semplice, la camera immobile in attesa della luna, protagonista dal suo sorgere, nel cielo azzurro, all’uscita di scena e dall’inquadratura. Tutto sulle note di “Clair de lune”, eseguita, in questa versione, al theremin da Randy George.

“Tutti sanno cos’è la vita, ma nel momento in cui si scambia un evento così divertente con qualcosa di molto serio, inizia la fine del ‘gioco della vita’”, si legge nei “titoli di coda”, prima di una poetica ed emozionale serie di ringraziamenti a persone, uomini, donne che hanno accompagnato e accompagnano la quotidianità di una vita sì, in quarantena. Ma non certo di un pensiero isolato. Da Aldo Bleve, suo padre, al rocker tricasino Jessy Maturo, scomparso giusto due anni fa, poi al suo batterista Fabio Maglione, a Biagetto Bleve del bonasciana di Marina Serra, a Mimmo del bar Mimmo di Corsano, a Marcello Biondo e… “a tutti i miei cari che vedo e penso ogni volta che guardo la Luna e…”.

E come tutto, in questo periodo di chiusura, anche “quarantine moon(d)” è un prodotto “fattu a casa” con la sua Alchimista incursioni Culturali… tutto con il suo terrazzo di casa, un cavalletto, il suo cellulare per le 6 ore di ripresa alla Luna, e suo figlio Donato che, a distanza e in video chat, ha confezionato il tutto con il montaggio.