Giacomo e Filippo, l’amore e la festa grande di Diso per i suoi santi

Fuochi e luminarie per la tradizionale festa dei santi patroni del comune salentino che si celebra da sabato 30 a martedì 3 maggio

Si “fa grande” la piccola Diso nei giorni di festa dei suoi santi Filippo e Giacomo. Dopo i continui rinvii e cancellazioni, tornano la musica delle bande, le luci e i colori delle luminarie e i fuochi d’artificio a rendere omaggio ai due apostoli, una festa che si celebra ormai da più di un secolo. Organizzata dall’associazione Festa Santi di Diso, composta da oltre 30 donne, insieme all’amministrazione comunale, quest’anno, la festa è stata intitolata “Luci, colori e suoni della rinascita”

Sono in migliaia i visitatori provenienti da tutto il Sud Italia, non solo dal Salento, che ogni anno raggiungono il piccolo paese non solo per prendere parte ai riti civili e religiosi, ma anche per ammirare i giochi di luci delle luminarie. Sono infatti ben quattro le ditte di luminarie chiamate a contendersi l’ammirazione a colpi di geometrie, colori ed effetti speciali: Antonio Santoro di Alessano, Gennaro Matarazzo da Avellino, Massimo Mariano di Scorrano e Illuminal Art di Fasiello&Signore di Vernole.

il culmine della ricorrenza è l’atteso festival pirotecnico diurno del 1° maggio, una vera sfida a cielo aperto per la gioia degli intenditori. La festa inizia sabato 30, alle 20, con l’accensione delle luminarie e la banda della “Città di Diso”, alle 21.30, il concerto della “Grande Orchestra del Salento” Città di Lecce diretta dal maestro Salvatore Tarantino.

Domenica 1 maggio, alle 9, le statue dei Santi Filippo e Giacomo, portati a spalla, varcano la soglia della chiesa seguiti dalla Madonna dell’Uragano, applauditi e accolti dalla musica delle bande Città di Conversano, diretta da Susanna Pescetti e Città delle Grotte Castellana sotto la bacchetta di Grazia Donateo, che scandiscono il ritmo della processione e prestano servizio per tutta la giornata.

Alle 10.45, dopo aver attraversato il paese, il corteo si ferma per assistere all’atteso festival pirotecnico che vede L’Artificiosa dei fratelli Di Candia di Sassano, Palmieri e De Candia Fireworks di Apricena, Senatore Fireworks di Carmine Senatore di Cava de’ Tirreni e La Titese Fireworks di Tito contendersi il trofeo. Lo spettacolo si svolge nei pressi dei campi di San Vito, al cospetto di appassionati ed esperti dei vari effetti pirotecnici: dalla bomba d’apertura, alle bombe a botte, fino all’effetto tornante.

I festeggiamenti civili proseguono in piazza Carlo Alberto con due serate dedicate alla musica: lunedì 2, alle 21, il palco è degli Ipergalattici, cover band delle sigle dei cartoni animati; martedì 3, il microfono passa all’Antonio Amato Ensemble e al suo repertorio di musica tradizionale.

Articolo precedenteSant’Elia, una “figurina” per il quartiere che celebra la sua identità
Articolo successivoquiSalento maggio 2022 (abbonamento)