Dalle parole ai piatti: le cene parlanti e resistenti di To Kalò Fai

Si raccontano, e assaporano, storie di cibo e di quotidiana rivoluzione a Zollino, negli spazi del laboratorio urbano To Kalò Fai. L’ex mercato coperto del piccolo centro griko è diventato l’accogliente, virtuosa e vitale dimora di Salento Km0, associazione che pionieristicamente, nel Salento, ha dato concretezza ai sogni dei “coltivatori di cambiamento”.

Si ritrovano in tanti, due venerdì al mese fino a maggio, per la rassegna “Forchette e forconi. Cene parlanti con contadini resistenti”, particolare e saporito format di cene narrative in cui i piccoli produttori locali incontrano uno chef e i commensali, dialogando su temi di attualità, in compagnia di Gianluca Palma de “La scatola di latta”, raccontando il proprio progetto di vita e di lavoro, le difficoltà e i successi, la visione del mondo e dell’agricoltura.

Piccoli produttori impegnati non solo in una produzione sostenibile, ma anche nella rigenerazione delle campagne e nella creazione di opportunità lavorative, con progetti che hanno i cardini nella sostenibilità ambientale e nel desiderio di “restanza”, per creare circuiti economici e lavorativi etici.

Le cene saranno strutturate seguendo ciascuna un tema prestabilito, intorno a cui saranno cucite le narrazioni delle realtà ospiti, accompagnate da un menù di volta in volta differente, realizzato dallo chef Luigi Trivellini con i prodotti delle stesse aziende ospiti.

Si inizia, venerdì 11, proprio all’insegna delle “Nuove Generazioni”, tema che abbraccia il racconto e i sapori dei giovani “coltivatori di cambiamento”: Geosme Lab, con la sua produzione innovativa di miceli e funghi; Casa delle Agriculture, che coltiva e molisce grani antichi nel Mulino di Comunità di Castiglione d’Otranto; Vivere la Canapa, che coltiva canapa organica; Apicoltura Sciglio, che produce miele nel Parco dei Paduli.

Il secondo appuntamento, venerdì 25, è un tuffo nella “Civiltà contadina” con ricordi, racconti e progetti di Giovanni Pellegrino, custode di storie e saperi, con la sua produzione di Frizzuli di frisella con grani antichi; Luigi Mangia di Agricola Spadafora, giovane agricoltore custode di antiche varietà; Corrado Losavio, produttore del Pisello riccio di Sannicola; Gianni Rollo, fondatore e voce dei Sud Sound System, dell’Azienda agricola Lagorosso, custode di antiche conoscenze e varietà locali.

Inizio ore 20.30. Info e prenotazioni: 329/8120306.

Articolo precedenteDi quel che c’è non manca niente. Polpette contro lo spreco.
Articolo successivoCanzoni “ballabili”, tra barba e capelli