Arte, natura e spettacolo: esplode a settembre il “Maggio Salentino”

Inaugura il 2 settembre la ricca rassegna organizzata da Celestass e Università del Salento che coinvolge le pronvince di Lecce, Brindisi e Taranto

Una coda d’estate che fiorisce, tra cultura, natura, arte e spettacolo con l’ottava edizione del “Maggio Salentino”, slittato dalla primavera a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.

Inizia in musica, giovedì 2, la manifestazione organizzata dall’Associazione per il Paesaggio e i Centri Storici del Salento e dall’Università del Salento, con il contributo della Banca Popolare Pugliese e il coinvolgimento di numerosi enti e associazioni attivi sul territorio, tra i quali l’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina. L’appuntamento inaugurale è alle 21 (prenotazione obbligatoria su Eventbrite) nella Villa Comunale di Lecce con l’evento “Di tutto un Pop”, uno dei tanti concerti che hanno accompagnato l’estate in città con, protagonisti, docenti e alunni del conservatorio “Tito Schipa” di Lecce.

Sono oltre 40 gli eventi in programma, sino a venerdì 8 ottobre, in diverse località delle province di Lecce, Brindisi e Taranto, tra passeggiate nei centri urbani e periferie, in campagne e parchi naturali, alla scoperta di angoli peculiari dei paesi e delle città, visite guidate nei palazzi storici, chiese e musei, fino a spettacoli e letture per bambini e molto altro, per cittadini e turisti di ogni età.

Una rassegna che valorizza la rete di istituzioni, enti privati e associazioni in sinergia, ”un impegno collettivo per promuovere cultura, arte, tradizioni, bellezze della nostra terra ricco di eventi nelle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto”, dice il Presidente di Celestass Giorgio Aguglia.

Il risultato di un lavoro corale è sottolineato anche dal rettore dell’Università Salento: “l’adesione di numerosissimi enti e associazioni che ci hanno consentito di mettere a punto un programma davvero ampio e diversificato per temi, interessi e destinatari”, afferma Fabio Pollice, “come ‘Ateneo dei due mari’ che vuole essere un faro culturale per le comunità della Terra d’Otranto, è massima la nostra attenzione per tutte le iniziative che possono concorrere a riportare al centro dell’attenzione collettiva la cultura nelle sue diverse espressioni e farne motore di sviluppo”. Quindi, ne rimarca anche la valenza sociale, il rettore: “siamo orgogliosi, inoltre, di poter affiancare all’impegno culturale quello sociale, sostenendo la raccolta fondi per il Polo pediatrico organizzata da Tria Corda, e dell’attivo coinvolgimento dei nostri studenti dei corsi di laurea in DAMS e in Beni culturali, ai quali è stato affidato il compito di presidiare le attività di comunicazione, in particolare sui social network».

E si guarda al superamento dalla fase più critica dell’emergenza sanitaria con la determinazione di chi vuole tornare a progettare, promuovere e godere del patrimonio culturale del territorio: “l’uscita progressiva dalle strettoie della pandemia», dichiara il Presidente della Banca Popolare Pugliese Vito Primiceri, “consente di ritornare a offrire, a turisti e residenti, alcune delle migliori iniziative culturali e musicali, anche in un settembre che ancora vede molte prenotazioni di viaggiatori desiderosi di conoscere la nostra terra e la sua antica storia di accoglienza”.

Per info e programma completo: www.maggiosalentino.it