A lezione di fumetto, a ritmo di banda

È iniziato nelle scuole coinvolte il ciclo di laboratori dedicati al progetto "Bande a disegni", serie di quattro uscite a fumetto sul repertorio bandistico tradizionale del Salento.

Approda sui banchi di scuola, l’iniziativa di “Bande a disegni”, nell’ambito dell’omonimo progetto editoriale, dedicato alle bande musicali e alla cultura popolare del SalentoHa preso il via ieri il ciclo dei laboratori didattici rivolti agli alunni dai nove ai dodici anni delle scuole elementari e secondarie di primo grado dei Comuni di Trepuzzi, Guagnano, Salice Salentino e Squinzano.

L’obiettivo è quello di riuscire ad accostare gli studenti al mondo affascinante delle bande da giro e della musica di strada, alle storie di opere celebri, immancabili nel repertorio bandistico, rilette in un contesto legato alla loro esecuzione e all’ascolto durante le feste salentine, attraverso lo strumento del fumetto, il suo fascino e la sua immediata accessibilità. Sono quattro le storie a fumetti che compongono la raccolta, e vedono protagonisti brani emblematici del repertorio e della tradizione bandistica meridionale. Si tratta del “Boléro” di Ravel, “La gazza ladra” di Rossini, la “Carmen” di Bizet e la salentina “A Tubo!” di Ernesto Abbate, storico maestro della Banda Città di Squinzano.

Una tavola del fumetto del Boléro

Gli incontri sono condotti da Alberto Giammaruco e Igor Legari, rispettivamente disegnatore e sceneggiatore dei fumetti, e prendono spunto dalla storia e dall’analisi delle composizioni, per contestualizzarle nella tradizione locale, e illustrarne tematiche musicali, storiche ed esecutive. Si evidenzia il fumetto come mezzo espressivo, i suoi meccanismi narrativi, gli elementi di composizione della tavola, il rapporto tra disegni e testi, portando gradualmente a stimolare la produzione grafico-visiva dei partecipanti. 

“I laboratori”, dichiara il maestro Gioacchino Palma, direttore artistico del festival Bande a Sud, “si propongono di entrare nei meccanismi narrativi e visuali delle storie pubblicate, ripercorrendone i processi creativi assieme ai due autori. Attraverso un percorso didattico mirato, attraverso il fascino del fumetto, l’obiettivo è quello, da un lato, di sensibilizzare e incuriosire i ragazzi alla conoscenza della nostra tradizione bandistica, dare loro strumenti di conoscenza per vivere gli eventi culturali ed i riti della propria terra con consapevolezza, dall’altro di attivare una sperimentazione concreta di tecniche di sceneggiatura e disegno fumettistico, unendo così la divulgazione storica all’espressione artistica”. 

Una tavola del fumetto “”a Tubo!”

Nato dall’incontro tra il festival Bande a Sud e due artisti calimeresi, il disegnatore Alberto Giammaruco e il musicista Igor Legari, in collaborazione con la rivista quiSalento, Bande a Disegni si inserisce tra le attività de Il Suono Illuminato, progetto finanziato dalla Regione Puglia che ha messo in rete cinque paesi del Nord Salento (Guagnano, Salice, Surbo, Squinzano e Trepuzzi) per promuovere la bellezza di piccole realtà con un programma musicale, pensato per impreziosire e animare il calendario di riti, festività tradizionali e festival.