Un premio all’anima, e alla tenerezza di Paloma

Importante riconoscimento all’Eolo Awards 2022 per lo spettacolo di Michela Marrazzi, una produzione Factory compagnia transadriatica e Teatro Koi.

Um momento dello spettacolo "Paloma. Ballata contro tempo"

Una menzione speciale “per la cura e l’attenzione con cui Michela Marrazzi, su drammaturgia e regia di Tonio De Nitto, anima, nel vero senso della parola, una marionetta ibrida in gommapiuma”. La marionetta è la dolcissima Paloma, protagonista dello spettacolo “Paloma, ballata controtempo“, che ha ricevuto l’importante menzione nel corso degli Eolo Awards, i premi d’eccellenza dedicati al teatro ragazzi italiano. Parlano ancora salentino quindi, e ancora grazie alla compagnia Factory compagnia transadriatica, diretta da Tonio De Nitto, che è anche il regista dello spettacolo di e con Michela Marrazzi, che ha realizzato e animato Paloma, accompagnata sul palco da musiche e fisarmonica di Rocco Nigro.

È stato consegnato mercoledì 4 maggio il riconoscimento, davanti alla platea del teatro Bruno Munari di Milano, all’interno della trentaduesima edizione del Festival di teatro ragazzi Segnali, organizzato dal Teatro del Buratto e da Elsinor. Con Michela Marrazzi, Paloma e Tonio De Nitto anche Nadia Milani, che ha curato la manipolazione di una bambola “con le fattezze di una donna anziana alla ricerca del suo tempo passato”, si legge nella motivazione completa, “infondendole una tenerissima carica di umanità in uno spettacolo di toccante melanconia, a cui fa da contraltare il fisarmonicista Rocco Nigro che, con tanto di metronomo a fianco, le rammenta come il tempo sia un nemico inesorabile con cui fare i conti”.

Paloma, tra Tonio De Nitto, Michela Marrazzi e Nadia Milani.

Ha colpito la giuria quel dialogo tra due anime, quello scambio scenico ed emozionale tra il fascino di una bambola, che riproduce con grazia e minuzia la realtà dei gesti di una donna anziana, e quello della musica, che quei gesti li ispira, li accompagna, li asseconda. È così che, in scena, Paloma è un’anima canterina, dai grandi occhi profondi, con i suoi bagagli pieni del tempo trascorso e che mai più ritornerà, perché il tempo si sa, divora le cose semplici, come l’infanzia, la giovinezza, l’amore, la vita. Con lei c’è un’altra figura che aspetta, osserva, scandisce e determina silenziosa il compiersi di questo viaggio e per farlo utilizza uno strumento musicale ed un metronomo.

Tra i premi Eolo 2022, quello per il “miglior spettacolo per adolescenti” a “Esterina Centovestiti”, spettacolo di Daria Paoletta della compagnia pugliese Burambò.

Articolo precedenteIl pallone della discordia. Nelle sale La grande guerra del Salento
Articolo successivoNel palazzo, tessuti, gusti e “maison” d’altri tempi