Terra e fuoco, fine e inizio

Attorno a un fuoco, d’inverno,
ci si ferma sempre un po’,
non foss’altro
che per godere del tepore
e di quello strano incantamento
dei pensieri

Non è una poesia, o forse lo è. Sicuramente è la mente che corre a terra e fuoco, elementi celebrati nei riti dell’inverno e di inizio anno. Nel numero di quiSalento di gennaio 2023, in edicola e sul nostro shop online, raccontiamo tradizioni, culti, liturgie anche laiche che, nei festeggiamenti invernali, sembrano rafforzare quel senso delle comunità, piccole o grandi che siano, che si ritrovano attorno ai sapori dolci della terra o al tepore dei falò devozionali, di ogni forma e dimensione, intimi o collettivi.

Raccontiamo gli Eventi del Cammino Celeste, del festival Kids, delle stagioni del Teatro Pubblico Pugliese, di Onda su onda e le radio libere e di Blablabla.
Raccontiamo quattro Luoghi specialiDisconutshot, l’abbazia Centoporte, il Chiostro dell’ex convento dei Frati Minori osservanti di Maruggio, l’Archivio di Stato.

E poi i Riti, dalle fòcare per Sant’Antonio, con Novoli in testa, al Capodanno contadino di Sant’Ippazio; le Sagre, con la pestanaca e la paparina; le ultime occasioni per ammirare i tantissimi Presepi; le uscite di Musiche (con il nuovo album di Raffaele Casarano) e Da leggere (Menu. Storie da gustare).

E ancora le Mostre, con le opere di Paolo Emilio Stasi e la Festa effimera di Franco BaldassarreDa gustare con il sapore biosostenibile del Laboratorio Urbano To Kalò Fai; e infine Da scoprire, con i trent’anni di Speleotrekking e tante escursioni di mare, campagna e città.

Articolo precedenteAddio all’anno vecchio: in piazze e luoghi, un Capodanno di musica e festa
Articolo successivoUltime due giornate di festa al Wonder Christmas Land