Pasta al forno alla leccese

Aprile, tempo di scampagnate. Di pranzi al sacco veloci, che non rinunciano al gusto. Di portate svuotafrigo ma anche di sapiente riciclo creativo degli avanzi. Allora, anche se si pranza seduti sull’erba, il salentino doc non rinuncia alla tradizionale pasta al forno della domenica, qui nella versione alla leccese, nella ricetta a cura dello chef Massimo Vaglio.

Ingredienti: 1 Kg di penne o mezzi ziti, polpettine fritte, 400 g di formaggio fresco o di mozzarella, 6 uova sode, 200 g di pecorino grattugiato, sugo di pomodoro, basilico.

La pasta al forno alla leccese ha qualcosa di speciale non tanto negli ingredienti (anche se, un buon sugo di pomodoro e un formaggio pecorino fresco possono fare la differenza) quanto nella rigorosa preparazione. La pasta (preferibilmente di formato corto, mezzi ziti o penne) deve, ovviamente, essere al dente.

Una volta condita con il sugo, fate un primo strato di pasta sul fondo della teglia, quindi disponete le polpettine (che devono essere fritte e preferibilmente di maiale), le uova sode tagliate a fette, il formaggio fresco (o mozzarella) e il pecorino grattugiato, irrorando con un po’ di sugo di pomodoro.

Coprite il ripieno con un altro strato di pasta per poi guarnire ancora con sugo di pomodoro e una spolverata di pecorino. Infornate per circa un’ora a 180°C. A questo punto lo “stanato” è pronto per essere conservato in borsa frigo, e condotto al pic-nic.