Montesardo, il castello sul monte

Borgo e castello

Un'immagine del centro storico di Montesardo
Un'immagine del centro storico di Montesardo

Appena più in alto di Alessano sta appollaiata la piccola frazione di Montesardo (1.300 abitanti), il “monte arduo” che i greci appellavano “tracheion oros”, con una porta nelle mura fortificate che apre il borgo dei “mangiafucazze”.

Sotto la torre campanaria, si erge il castello-fortezza eretto tra il XV e il XVI secolo, al cui centro c’è la “piazza d’armi”. Si legge in alto, sull’edificio centrale, “Orfanotrofio Maria Santissima Addolorata Anna ed Eleonora dei Baroni Romasi”, con lo stemma della casata che ne acquistò la proprietà lo scorso secolo. Oggi è affidato alle cure dei padri vocazionisti ed ospita una casa di riposo.

Da piazza Castello, la “via di mezzo” porta alla chiesa madre dedicata alla Presentazione di Maria al Tempio, sorta nel 1727 per volere del barone Caracciolo. Sul lato, per chi arriva da altre vie, vi è San Rocco in affresco, un modo antico per far sapere ai pellegrini che qui non v’era la peste. Sulla via per San Dana, immersa nel verde, sorge la chiesa di Santa Barbara del XIII secolo.

Montesardo dista solo 2 chilometri da Alessano e ben 60 da Lecce. La località balneare più vicina è Marina di Novaglie, a 5 chilometri, mentre è distante 11 chilometri da Leuca.