Medimex 2021, il suono del cambiamento

Da mercoledì 15 a domenica 19, Taranto ospita la nuova edizione della grande fiera musicale

L’onda impetuosa del Medimex 2021, l’International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds e attuato dal Teatro Pubblico Pugliese, è pronta ad adagiarsi su Taranto, con il suo carico di spumeggianti appuntamenti, tra showcase, incontri d’autore, mostre, attività professionali, scuole di musica, film e presentazioni. Un’onda che è anche simbolo di “cambiamento”, spiega il coordinatore artistico Cesare Veronico, “con un calendario che, come di consueto, offre appuntamenti a 360 gradi mettendo assieme i pilastri della musica mondiale e le voci più attuali della scena pugliese, italiana e internazionale”.

Si torna quindi a Taranto, tra il Teatro Fusco, il Museo Archeologico Nazionale MarTa e l’Università degli Studi, tra mercoledì 15 e domenica 19, per un’edizione ibrida e multiforme, dove gli appuntamenti dal vivo si alternano a quelli in streaming, mantenendo però inalterato lo spirito fondante del più grande appuntamento nazionale del settore: ossia il focus sugli scenari presenti e gli sviluppi futuri del mercato musicale. L’unica grande assenza, inutile nasconderlo, è quella dei grandi concerti, anche perché ci si era abituati davvero bene, negli ultimi anni, tra Kraftwerk, Placebo, Patti Smith, Liam Ghallagher, Editors, Tricky, Iggy Pop e altre star mondiali. Ma si tratta di una scelta, seppur dolorosa, senz’altro consapevole, totalmente condivisibile ed estremamente rispettosa della situazione pandemica in costante mutamento.

Malika Ayane

Ma, per il resto, c’è davvero l’imbarazzo della scelta, e gli ospiti sono di primissimo livello: Laurie Anderson, Ligabue, Negramaro, Joe Talbot (Idles), Malika Ayane, Alan Mc Gee, Kevin Cummins, Mahmood, Coma_Cose, Willie Peyote, Gaia, Gemello, Aiello, Motta, Speranza e altri ancora. Davvero ricco il programma degli Incontri d’autore moderati da Ernesto Assante, tra cui si segnalano quelli con Ligabue, Coma_Cose e Malika Ayane. Per non parlare di Talk e Workshop, momenti di confronto tra istituzioni, network e organizzatori sulla ripartenza dopo le restrizioni, con, ad esempio, “Digitalizzazione e innovazione: TikTok, l’evoluzione del mezzo e la sua trasformazione”, con Giulia Lizzoli (TikTok Italia); “Il mercato della musica e lo streaming”, con Jillian Gerngross (Amazon Europe) o “Voglio andare a suonare in Cina, cosa devo fare?”, con Alessandro Pavanello (Kanjian Music).

Coma_Cose

Non possono mancare gli Showcase con alcuni dei vincitori del bando Puglia Sounds Record, come Carolina Bubbico, Erica Mou, Underworld Vampires, Muriki, Radicanto, Tarantula Garganica, Mascarimirì, Terraross, Mimmo Epifani & Josè Barros, Gaetano Partipilo & Boom Collective, Kekko Fornarelli. Tornano anche le scuole di musica con Puglia Sounds Musicarium e Medimex Music Factory, incentrate sulla formazione professionale secondo vari livelli di competenza e differenti argomenti, dall’ingegneria del suono alla comunicazione, dalla contrattualistica alla content strategy. Ciliegine sulla torta, la celebrazione della New Wave con le mostre “Kevin Cummins: Joy Division and Beyond” (negli spazi del Museo MarTa) e “Pictures of you”, sull’irripetibile stagione dei concerti internazionali degli ’80 in Puglia (al Castello Aragonese,) nonché l’opera tridimensionale “3D WAVE” e “Musica di Carta: 60 anni di giornali musicali”, su riviste musicali italiane e internazionali, nell’ex chiesetta dell’Università degli Studi.

Programma completo e iscrizioni su www.medimex.it