Il grande ritorno della Festa della Municeddha

Torna in grande stile lo storico appuntamento di Cannole, curato da Pro Loco Cerceto, da mercoledì 10 a sabato 13 agosto

Tra le sagre, è sicuramente la più conosciuta nel Salento. Diventata una vera e propria istituzione, la Festa della Municeddha da 35 anni attira un numero sempre maggiore di buongustai, che si ritrovano a Cannole per mangiare la lumaca a Km0. Non a caso gli abitanti di Cannole vengono chiamati “cuzzari”, in riferimento all’inguaribile passione per la saporita chiocciola dal guscio scuro, che tantissimo tempo fa hanno cominciato a raccogliere come passatempo con gli amici nei giorni di pioggia e che poi con il tempo è diventato un lavoro. Capace di produrre una materia prima di qualità, apprezzata anche fuori dai confini pugliesi.

Allettante come sempre il menu che, da giovedì 10 a sabato 13 agosto, riserva posti d’onore alle “municeddhe” servite al sugo, alla cannolese e arrostite. Da sgusciare con lo stuzzicadenti e assaporare insieme ad altre pietanze tipiche, come i peperoni “a salsa”, le melanzane con aglio, peperoncino e menta, la peperonata. E poi “pittule”, polpettine, salsiccia, fettine e “pezzetti” di carne di cavallo, pane di grano con alici e ricotta forte, pizza rustica, patatine, dolci di pasta di mandorla, mostaccioli, cupeta e spumone. Le pietanze si possono ritirare direttamente dagli stand e poi gustate attorno a un tavolo oppure, molto più comodamente, si può cenare nell’apposita area ristorante, serviti da un esercito di volontari.

Ricca come sempre anche la scaletta degli eventi musicali che fanno da contorno alla sagra, a cui si aggiunge l’area del Muni-Bar, curato dai ragazzi e dalle ragazze dalla Pro Loco Young, ogni sera dalle 20, e dopo i live, tra dj set e coktail.Sul palco centrale, è in programma un doppio live ogni sera, con la musica che inizia alle 21.30 e prosegue fino a tardi.

Si parte mercoledì 10 con la pizzica dei Calanti, per poi continuare a scatenarsi il pop, lo swing, lo ska e il al rock di Barbablu. Chiusura affidata al dj set di Nikol Caloro. Giovedì 11 si inizia con l’etnico acustico degli Shacuddhuzzi insieme al cantore del sud, Mino de Santis, per poi cambiare registro con “Malè 1999 in tour” e finire con il dj set di Alberto Minnella con Frankatame. Gli amatissimi Alla Bua danno il la alla serata di venerdì 12, prima di lasciare il palco alla “macchina da palco” dei Mama Ska e al dj set di Street Angel. Chiusura in bellezza sabato 13 con i “padroni di casa”, ossia il Gruppo Folk 2000 con il “Dove si balla Salento tour 2022”, il fresco pop dei Nessuna Pretesa e il dj set di Roberto Lezzi.

Infoline: 331/3009300.
Il programma completo su festadellamuniceddha.it

Puglia. Autentica Meraviglia. L’evento è organizzato in collaborazione con Unione Europea, Repubblica Italiana, Regione Puglia, PO Puglia FESR -FSE 2014-2020 e Pugliapromozione. Asse VI Azione 6.8. Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche

MESSAGGIO PROMOZIONALE

Articolo precedenteLe “Libertà rampanti” di Mario Perrotta, in prima nazionale a Cerrate e Brindisi
Articolo successivoLa banda dopo la tempesta: Trepuzzi si ritrova in festa attorno alla sua cassarmonica