La vita meravigliosa di Diodato

L'artista tarantino vince il David di Donatello con il brano "Che vita meravigliosa"

Diodato
Diodato

Continua a fare rumore, Diodato, confermandosi tra i talenti più meritevoli nella scena musicale nazionale. Dopo la vittoria al Festival di Sanremo, l’artista tarantino trionfa anche alla cerimonia di premiazione della 65sima edizione dei David di Donatello, andata in onda ieri su Rai Uno, presentata da Carlo Conti.

Si chiama “Che vita meravigliosa”, il brano vincitore per la categoria “Miglior canzone originale”, inserito nella colonna sonora del film “La dea fortuna” del regista Ferzan Ozpetek, anche lui ormai di casa nel Salento.

Un anno fermo, purtroppo, dal punto di vista dei concerti e delle presentazioni, ma tuttavia ricco di soddisfazioni per Diodato, che in pochi mesi ha ricevuto anche il Premio della Critica “Mia Martini”, il Premio della Sala Stampa Radio, Tv e Web “Lucio Dalla” e il Premio Lunezia per il valore musical-letterario di “Fai Rumore” ricevuti al Festival.

Il prossimo palco, anche questo tutto virtuale, per l’artista sarà quello di “Europe shine a light“, versione on-line della competizione Eurovision, annullata per l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 in corso, trasmessa il 16 maggio, data in cui era prevista la finale della gara canora.