Skin ADV

GOOGLE ADV

La nuova Notte della Taranta nel segno di Andrea Mirò

Mercoledì, 27 giugno 2018 - - Categoria: Attualità

La canzone d'autore e il rock, poi il rap, Napoli, Cuba, l'India. È la Notte della Taranta firmata da Andrea Mirò, maestra concertatrice della 21esima edizione del Concertone fissato per sabato 25 agosto a Melpignano; si tratta della seconda diretta da una donna, dopo quella riuscitissima di Carmen Consoli, nel 2016.

Una donna, una polistrumentista, Andrea Mirò (che succede a Raphael Gualazzi, ultimo maestro concertatore), scelta per la sua grande conoscenza della musica e per la sua formazione, che sfocia anche in altre arti, nonché per la sua particolare attitudine alla ricerca.
Il nuovo maestro concertatore ha accettato con entusiasmo l'invito, annunciando un'edizione rock, "con l'apertura all'utilizzo di strumenti eclettici e duttili come la chitarra elettrica, e anche il gioco, che mi piace molto e mi appartiene, delle dinamiche, delle alternanze tra vuoto e pieno, tranquillo ed esplosivo, suono liquido e ritualità ritmica potente".

Tanti gli ospiti sul palco di piazza degli Agostiniani, iniziando da Clementino, per una delle novità annunciate: l'incontro tra la pizzica e il rap.

Poi, sempre da Napoli, James Senese, che non ha certo bisogno di presentazioni, e il cantautore Enzo Gragnaniello. Un respiro internazionale ed etnico lo danno la violinista cubana Ylian Canizares e il gruppo dei Dhoad Gypsies, poeti, cantanti, acrobati e ballerine del Rajasthan, in India.

Sul fronte "interno", ospiti di quest'anno sono gli Après la Classe, con la loro patchanka salentina, e il cantautore Mino De Santis, con un brano ispirato al filo conduttore del concertone: il paesaggio.

Insieme all'Orchestra Popolare ci sono poi il trombettista salentino Frank Nemola, da vent'anni al seguito di Vasco Rossi, e il fisarmonicista Davide "Billa" Brambilla.

A creare le coreografie per il nutrito corpo di ballo, infine, è Massimiano Volpini, da quasi vent'anni collaboratore di Roberto Bolle, che annuncia di voler "trasformare il palco di Melpignano in un immenso paesaggio di emozioni".

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2018 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica