domenica, Maggio 31, 2020

GALLERY

Tirare fuori storie da ciò che sembra “spacciato”. Riscoprire la materia e darle forma. Decidere il destino di un oggetto. Un’abitudine per una donna che la sorte, almeno quella geografica, se l’è scelta, come si sceglie il fiore più...
Distese di terra rossa, cespugli di more, le fronde del mandorlo e del noce, i frutti del mirto e del ginepro, il soffione leggero del tarassaco, è primavera nell'Arneo e, tra il cielo e il mare del vicino Jonio,...
Sulle pareti annerite dal fumo, nell’antico forno di comunità di Supersano, il calendario di Frate Indovino è fermo al 1998. Quel dicembre sbiadito regge ancora il peso di cartoline dal sapore orientale, rosari color sabbia e santini sorretti da...
Gioie, monili, tesori: anche i sinonimi più ricercati si addicono ai gioielli di Isabella Faggiano, mente e mano creativa di Radicenomade. Un progetto che sembra discendere da un tacito patto con Madre Natura,...
“Vendesi bosco”: è l’insolito annuncio in cui, un pomeriggio di quattro anni fa, Andrea Congedi si è imbattuto passeggiando per le strade di Ugento. A quel tempo, faceva già parte di un gruppo di amici molto attivi nell’ambito della...
Dove gli abiti sanno danzare, le note di Franz Schubert giocano all’eco tra le volte a stella e una donna operosa si muove a passo di grazia. Minuta, elegante, si avvicina all’ingresso dell’antico...
Due occhi scuri, orientali, raccontano storie lontane dipinte su pietra, mentre tutto intorno il paesaggio sembra intonare un silenzio quasi mistico che proviene dall’Est. Inizia così, tra suggestioni ipnotiche, il viaggio sulle tracce...
Distese di soffioni e forasacchi. Il fischio di un treno, da lontano. La stazione che s’indovina dietro il muro e l’orizzonte libero di immaginarsi altrove. È di casa qui, e come potrebbe essere...
Si alza una nuvoletta di fumo denso mentre Mimmo stringe nella mano una pipa ruvida e scura. L’avvicina alla bocca, gira sicuro la rotella dell’accendino e la fiammella accende il fornello che sprigiona...
Si apre, si espande, l’occhio corre vorace sulle grandi tele, accelera sul colore saturo, si aggrappa al nero netto delle linee e divora chiavi, foglie, uccelli, code, pistole, maschere, croci, ali, fulmini e...

ARTICOLI RECENTI