A tavola racconti e sapori di comunità. Prove di convivio a Leverano

Un attore, uno scrittore, una cantante e le eccellenze di Leverano. Tutti a tavola. C’è la storia di una comunità, c’è la voglia di rinascere e sentirsi famiglia, dopo il lockdown, c’è il desiderio di sorridere, la necessità di raccontare e raccontarsi, di leggere e cantare attorno al tavolo di “Indovina chi viene a cena. Piccole storie di imprese memorabili”, iniziativa nata da un’idea dell’attore e regista Francesco Zecca.

Con lui lo scrittore Michele Fiore e la cantante Martina Zecca, insieme in un posto, la storica pizzeria “da Franco” di Leverano, luogo identitario, ideale spettatore dei cambiamenti, contenitore di intrecci di persone e delle loro vite, buen retiro di intere generazioni e simbolo di rinascita per eccellenza.

Tre sedie e un groviglio di vissuti, un convivio di arte a di luoghi, quelli delle realtà produttive leveranesi, che fanno rete e lo fanno intorno a una tavola imbandita, perché è a tavola che si prendono le decisioni importanti. E qui si tratta di scrivere una nuova avvincente pagina, con la giusta combinazione di fiducia, positività e fatica. Spolverizzando il tutto di ricordi gentili prima di servire con cura.

Prendono il via lunedì 8 giugno le piccole storie, quelle di tante aziende che hanno già aderito: Azienda Vivaistica Fabio Zecca, Agricola dell’Arneo, Birra Salento srl, Cantina Vecchia Torre, Oleificio cooperativo Leverano, Azieda Agricola Antonio Paglialunga, Azienda Agricola Politano, Antichi sapori, Azienda Agricola Giovanni Durante, Cantina Conti Zecca, Cooperativa San Rocco, Clossa Lab, Toccasana Salentina.

Storie da raccontare, in maniera inconsueta, “sarà ogni volta un’incognita e una scoperta”, spiega Francesco Zecca, “perché dall’ascolto di ogni intervista potrà venire fuori una spy story , una commedia, una storia d’amore e chissà cos’altro”.

Alla mise en place pensano Francesco e Michele, coppia artistica collaudata nel raccontare storie di territorio, che dopo aver fatto visita ad ogni azienda e aver realizzato un’intervista ad hoc per conoscerla più a fondo, stendono una sorta di story board che diventa poi rappresentazione teatrale durante ogni cena a tema. Martina dà il tocco gentile del canto, rigorosamente a cappella, in linea con la genuinità filo conduttore dell’iniziativa. Un progetto che racconta e riavvicina, in un periodo di nuove distanze da percorrere.

Inizio ore 20.30. Si può partecipare all’evento prenotando allo: 0832/925445, 338/3652323, 339/5440405.