A scuola di rap con Manu Phl

L’ambiente, la pace, gli amici, il quartiere. Il piccolo grande mondo della città viene raccontato dagli alunni dell’Istituto comprensivo Stomeo-Zimbalo di Lecce e diventa una canzone. Un futuro è il titolo del brano, frutto del laboratorio di musica e scrittura per i ragazzi della secondaria di primo grado condotto insieme a un artista atipico, sagace e impegnato come Manu Phl (che ha curato i beat), uno “troppo indie per essere rap, troppo rap per essere indie”.
Le strofe, tutte scritte da ragazzi tra gli 11 e i 13 anni, sono sincere e dirette, risultato in rima e senza filtri dei pensieri, i desideri, e le speranze di tutta una generazione che ha già lasciato la fanciullezza e vede già non troppo lontano il mondo degli adulti. “Non ci sarà un futuro per gli umani se non cambiamo prima di domani, non iniziamo a muovere le mani più uniti, più umani, più sani” si canta nel brano del progetto coordinato dalla professoressa Nina Mauro e voluto dalla Dirigente dell’Istituto, Maria Elisabetta Tundo.

Articolo precedenteIl violoncello incontra il grunge: i Nirvana secondo Redi Hasa
Articolo successivoPozzi e pozzelle: fino all’ultima goccia