A Leverano, la panchina gigante che guarda l’orizzonte

Si torna un po’ bambini, non solo per le sue dimensioni che fanno sentire tutti rimpiccioliti. Ma osservare il paesaggio da un’altezza diversa, inedita, offre uno sguardo nuovo sulla bellezza che riempie gli occhi di stupore. Anche il Salento ha la sua panchina gigante, installata nel Giardino delle Fate di Leverano, grazie a un progetto che, forse, è più la realizzazione di un desiderio, quello di Salvatore Lecciso, presidente della sezione leveranese di Inachis, associazione di volontariato indipendente per la tutela e l’educazione ambientale, che dal 2017, ha preso in custodia un terreno comunale abbandonato e lo ha fatto rifiorire.

“Mi sono innamorato delle panchine giganti delle Langhe”, racconta Salvatore Lecciso, “le ho viste per la prima volta quando il Giardino delle fate era ancora agli albori, ma già la immaginavo lì, rivolta verso Leverano per ammirare il suo skyline, con la Torre Federiciana, il campanile e la ciminiera della fabbrica”. L’occasione è arrivata quest’anno, con il laboratorio di autocostruzione tenuto dall’associazione The Factory – Nuovi orizzonti e i ragazzi di Ci vuole un paese che con pietre di tufo e legno hanno dato forma al disegno dell’architetto Cecilia Maria Cazzato, direttrice dei lavori.

Si è optato per l’orientamento ad ovest dove si scorge un tramonto mozzafiato: “perché per i sognatori la poesia e la magia di un tramonto sono gli ingredienti migliori per continuare a sognare e immaginare nuove avventure”, spiega Salvatore, “vogliamo sederci sulla pachina e ritornare bambini, scrutare il tramonto con lo sguardo sognante, fermarsi a pensare e immaginare il futuro, pieno di idee, nuovi progetti e intuizioni come i visionari”. Come fu per il Giardino delle fate, un terreno bruciato e deserto dove la natura rigogliosa si è ripresa i suoi spazi, grazie alla cura e l’ostinazione di Salvatore e gli altri volontari, che non si arrendono e continuano a piantare alberi e a coltivare utopie.

Articolo precedenteAspettando il Natale, capitolo dopo capitolo
Articolo successivoquiSalento 1-15 dicembre